Istituto Comprensivo di Novellara

IL TRICOLORE= PATRIA, LIBERTÀ, PACE

     

Sabato 7 maggio, a Viano di Reggio Emilia, alcune scuole della provincia sono state premiate per la partecipazione a un concorso indetto da ANMIG, Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra.

Erano presenti importanti personalità, tra cui il Presidente dell’Associazione Nazionale Claudio Betti, la Presidente della sezione provinciale ANMIG Mariella Poli, alcuni sindaci della provincia, tra cui il nostro sindaco Elena Carletti, Andrea Carletti sindaco di Bibbiano e Ilenia Malavasi sindaco di Correggio e vice presidente della Provincia, il vicario del Vescovo, i rappresentanti delle Forze Armate impegnate nella difesa della nostra Patria e, infine,  i rappresentanti di alcuni Istituti scolastici.                                                                                                                                                                        Verso la fine del 2021 anche le classi quinte del nostro Istituto erano state invitate a partecipare a questa iniziativa, che aveva come tema centrale la bandiera, simbolo di Patria e di libertà.                          Le insegnanti hanno lavorato con i bambini, trasformando una lezione di ed. civica in un laboratorio di idee, grazie al quale sono stati prodotti alcuni elaborati significativi; con questi abbiamo partecipato al concorso e, tra i tanti partecipanti, siamo riusciti a rientrare nella cerchia dei premiati.                                                                                                                                                                                    Nel suo discorso di apertura il Presidente Claudio Betti ha ricordato il valore del Tricolore e ha spiegato l’impegno dell’Associazione verso i più alti valori della Patria, della libertà e della pace.                      Ha inoltre aggiunto:Quando andiamo nelle scuole a parlare ai nostri giovani raccontando la storia vissuta da generazioni la cui vita è stata contrassegnata dalle sofferenze patite a causa della guerra, subendo forti mutilazioni nel corpo e nell’anima, ci preoccupiamo sempre di sottolineare come la follia della guerra porti soltanto lutti, devastazioni e come essa produca anche un terribile abbrutimento della specie umana. Il sogno più profondamente umano è quello della pace. Esso scaturisce dalla sorgente più genuina del nostro essere. È radicato nell’uomo e umanizza.  La pace non deve essere intesa solo come una mancanza di guerra, perché la pace non è mancanza, ma pienezza, realizzazione completa delle nostre profonde aspirazioni”.                                                       

L’Istituto Comprensivo di Novellara porge un sentito ringraziamento all’Associazione per la possibilità che ci ha offerto di riflettere su tematiche a carattere fortemente didattico-culturale e per il graditissimo dono, che servirà ad arricchire la scuola di sussidi e materiali utili alla crescita intellettuale dei nostri alunni.